FOTOCLASSICO

Cliccare sulla foto per visionare tutte le foto della premiazione

Nei locali del Liceo Classico “Campanella” di Reggio Calabria

Consegnati i premi del “Certamen di Poesia Greca”

REGGIO CALABRIA - «Sensibilizzare i giovani all’approfondimento della cultura classica come matrice della civiltà europea, per offrire agli studenti strumenti di interpretazione del presente attraverso lo studio del passato». E’ questo - testualmente - l’obiettivo del primo “Certamen Nazionale di Poesia Greca”, promosso dal Liceo Classico “Tommaso Campanella” di Reggio Calabria.

Stamane, cerimonia in grande stile nell’aula magna del Liceo a conclusione della prova del Certamen, svoltasi lo scorso 13 aprile e consistente nella traduzione di brani tratti dai lirici greci, associata ad un commento storico-letterario, linguistico e metrico. Ad aggiudicarsi i premi e le relative borse di studio intitolate al Preside Giacomo D’Africa (presente la figlia Eugenia D’Africa Brascià),Davide Paolillo del Liceo Classico “Morelli” di Vibo Valentia, Antonino Ripepi e Marialuisa Barillà del Classico di Reggio Calabria.

La cerimonia di premiazione, introdotta dal dirigente scolastico del Liceo Classico “Campanella” Maria Rosaria Rao, è stata preceduta da una tavola rotonda sulla cultura classica e sull’incidenza che la stessa ha avuto, storicamente, in Calabria. A prendere parte all’incontro, gli stessi componenti che hanno costituito la commissione di valutazione del Certamen: Maria Rosa Cannatà, Daniele Castrizio e Claudio Meliadò, docenti dell’Università di Messina, e Giacomo Oliva della Soprintendenza per i Beni Culturali della Calabria.

Diversi i patrocini e le collaborazioni concessi all’iniziativa: dall’Associazione Italiana di Cultura Classica ai club service reggini, Rotary Reggio Calabria Sud, Reggio Calabria Nord e Lions, fino alle istituzioni regionale, provinciale e comunale, queste ultime due rappresentate dall’assessore alla cultura Eduardo Lamberti Castronuovo e dall’assessore all’istruzione Vincenzo Nociti.

Sergio Notaro

tratto da ReggioTV