Bicentenario del Liceo
 
 
Locandina-Panuccio
 
Giovedì 30 maggio  Aula Magna Ore 18:00


Cronaca, miti e leggende

nell'attraversamento dello Stretto
tra Calabria e Sicilia
Chiar. Prof. Avv.  VINCENZO PANUCCIO
 
 

panuccioVincenzo Panuccio, Emerito dell’Università di Messina. Allievo del Liceo Classico “Tommaso Campanella”, si laurea in Giurisprudenza all'Università di Messina nel 1944; è assistente volontario di Istituzioni di diritto privato nella stessa Università dal 1945, e, successivamente straordinario nella stessa disciplina; si abilita alla libera docenza in Diritto Civile nel 1956. È vincitore di concorso alla cattedra presso la Facoltà di Giurisprudenza della Università di Modena nel 1960; chiamato da quella data a coprire la Cattedra di Diritto commerciale presso la Facoltà di Economia e Commercio dell'Università di Messina; ordinario di Diritto commerciale dal 1964; Direttore dell'Istituto di diritto commerciale e del lavoro dell'Università con aggregati trentaquattro docenti, dal 1963 al 1996; incaricato di Diritto commerciale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Messina dal 1966 al 1996 (è stato anche incaricato di Diritto Industriale, di Diritto del Lavoro, di Diritto Privato -corso di Scienze politiche, di Sociologia generale -scuola di Statistica della Facoltà di Economia e Commercio, e anche di Diritto bancario). Ha insegnato Diritto commerciale alla Scuola Notarile dello Stretto “Salvatore Pugliatti”, fin dalla sua fondazione, presso la quale tiene tuttora prolusioni e seminari; dal 1988 è stato incaricato dal Ministero dell'Interno di insegnamento del Diritto commerciale presso l'Istituto Superiore di Polizia in Roma, e dal 1996 presso la Scuola di specializzazione forense (Bassanini), presso l'Università Lumsa di Roma, nonché presso la Scuola di specializzazione forense dell’Università di Messina, scuole presso le quali tuttora insegna; è componente il Consiglio direttivo di queste Scuole; fa parte del Comitato per la creazione dell’Università per Stranieri di Reggio Calabria. È Preside della Facoltà di Economia e Commercio dal gennaio 1968 all’aprile 1982 (rieletto quattro volte alla unanimità); Presidente, nella stessa epoca, del Comitato Scientifico degli Annali della Facoltà di Economia e Commercio dell'Università di Messina fino al 1995; Direttore scientifico della Biblioteca di Facoltà fino al 1995 e delle pubblicazioni dell'Istituto di Diritto commerciale e del Lavoro, iniziate il 1969, e giunte al 18° volume per i tipi dell'Editore Giuffré; Presidente del Corso di Laurea in Economia e Commercio della Facoltà dal 1990, Direttore di gruppi di ricerca del CNR su vari temi d'interesse giuridico e socio economico (fra cui: la ricerca finanziata nelle Scienze umane; studi sulle cooperative con particolare riguardo alle cooperative atipiche, donazioni e prestiti di opere d'arte; ritrovamenti e scoperte di opere d'arte, studi sulla legislazione anticrimine). È Direttore della Rivista giuridica "In lure Praesentia”, da lui fondata nel 1975, giunta ininterrottamente al 28° anno di vita e nella quale cura in ogni numero le rubriche "varietà" e "statistiche”; fa parte del Comitato Scientifico delle seguenti Riviste Nazionali: L'Impresa; Legalità e giustizia; Diritto Fallimentare e delle società commerciali; Rivista giuridica della Scuola; Nomos; e del Comitato di Direzione della Rassegna Forense (organo della Avvocatura Italiana); componente il Comitato Scientifico della Rivista Diritto e Formazione. È stato Presidente della Classe di Scienze giuridiche, economiche e politiche dell'Accademia Peloritana dei Pericolanti che ha sede presso l'Università di Messina ed oggi Vice Presidente della Accademia. Dal 1996 fuori ruolo è stato nominato emerito della Università di Messina dal 1997. È animatore di iniziative culturali e scientifiche varie, incontri, Seminari, Congressi (nazionali e regionali), dibattiti. Gli vengono affidate: la Presidenza della Associazione Amici del Museo Nazionale di Reggio Calabria (dal 1965); del Centro Nazionale Studi di Diritto del Lavoro "Domenico Napoletano", Sezione per l’Area dello Stretto di Messina; della Federazione Italiana degli Amici dei Musei d'Italia; e della Federazione Internazionale degli Amici dei Musei del Mondo. Partecipa al Centro Culturale Ugo Tropea della Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria, ed oggi è componente la Commissione Provinciale Cultura. Ha coordinato e diretto vari studi di gruppo: sull'occupazione giovanile; sulla giusta retribuzione e giungla retributiva; sui problemi attuali in tema di sciopero; sull'art. 41 della Costituzione, in materia di iniziativa economica (1969); sullo Statuto dei lavoratori (in occasione del decennale dello Statuto dei lavoratori); sulle procedure concorsuali e i rapporti di lavoro; sulle donazioni e prestiti di opere d'arte (1981); sulle scoperte di oggetti di interesse storico ed artistico 1989); sulla ricerca nelle Scienze umane (1991); sulle cooperative, con particolare riguardo alle cooperative atipiche (1993); oltre che gli scritti per Salvatore Pugliatti, per Enrico Paresce, per Domenico Napoletano, ed ora per Angelo Falzea; componente il Comitato per le onoranze al Prof.Pugliatti nel centenario della sua nascita; relatore in numerosi Convegni Nazionali: al XII Congresso Nazionale Forense di Catania, al Convegno Nazionale di Taormina di Giustizia e Costituzione, 1976; al Convegno Nazionale di Palermo 1976 sull'Impresa familiare; Internazionale di Taormina sui cento anni del codice di commercio del 1982; Internazionale del CED del 1988; Nazionale dei Civilisti Italiani, Venezia 1988; si ricordano quello forense Brescia Gardone del 1981 sui Profili sostanziali nelle prospettive di riforma della legge fallimentare e di Ancona del 1987 sul mandato professionale; sull’Informatica del 1983; sul lavoro bancario, Taormina (1987); nonché sul Volontariato a Lucca negli anni 1984 e 1986; sul lavoro bancario (1992); sull’abuso del processo del lavoro (1994). È avvocato esercente: iscritto all’albo dei procuratori legali di Reggio Calabria dal dicembre 1947, e a quello degli avvocati dal febbraio 1952; patrocinante in Cassazione dal 1964; Presidente dell’Ordine Avvocati e Procuratori di Reggio Calabria dal 1972 al 1989, e Presidente della Unione Regionale Forense di Calabria, che riunisce gli undici Ordini della Regione, dal 1977 al 1989; è Consigliere Nazionale forense del Distretto della Corte di Appello di Reggio Calabria, eletto alla unanimità dai Consigli degli Ordini di Reggio, Locri e Palmi nel dicembre 1989; rieletto nel 1991 per il triennio successivo, e successivamente ancora fino al 2004; eletto Vice Presidente del Consiglio Nazionale Forense nel luglio 1994 per un triennio; già coordinatore della Commissione Cultura del predetto Consiglio, di cui ora è vicepresidente; attuale Presidente della Commissione Consultiva nazionale del Consiglio dal 1994; già Coordinatore delle Scuole Nazionali Forensi; componente il Consiglio Direttivo del Centro Nazionale di formazione e di aggiornamento dell’avvocatura; nonché componente il Consiglio Direttivo della Fondazione Nazionale dell’Avvocatura. È stato componente della Commissione Nazionale ministeriale per la legge quadro sul volontariato; nonché componente della Commissione regionale siciliana per la legislazione sui beni culturali e ambientali; esperto nominato per la riforma delle leggi sul giudice di pace, sul diritto di famiglia, e sulle modifiche al codice di procedura civile; oggi componente della Commissione Ministeriale Nazionale sulla riforma delle procedure concorsuali. Nel giugno 1972 il Presidente della Repubblica gli ha conferito la medaglia d'oro dei Benemeriti della Cultura e dell'Arte; nel 1979 ha ricevuto il premio internazionale Città di Reggio per le Scienze giuridiche; nel 1984 l'Università di Messina gli ha conferito una medaglia d'oro di riconoscimento e benemerenza per l'attività svolta nell'Ateneo; nel 1985 gli è stato conferito il premio Villa per il volume sulla fantasia nel diritto; nel 1986 il premio Vittorini, premio speciale per alta cultura e il 19 dicembre 1989 ha avuto il premio Scilla e Cariddi per il Diritto; il 31 marzo 1996 gli è stato conferito il Premio “REGHIUM JULII - una vita per la cultura”. Il 14 maggio 1996, in occasione della ultima lezione formale, dal titolo: "Del diritto commerciale e dell'Università: frammenti di un'epoca", tenuta nell'Aula Magna dell'Università di Messina (52 anni di attività), ha ricevuto targhe di gratitudine dalle Facoltà di Giurisprudenza e di Economia e Commercio, e Scienze Politiche, e dagli studenti delle Facoltà. È autore di numerose monografie. Dirige e coordina la collana dei Quaderni dell'Istituto di diritto commerciale e del lavoro dell'Università di Messina dal 1969 al 1995 (finora 18 volumi).
http://www.vincenzopanuccio.it/