Percorso legalitaSi è tenuto il 4 marzo scorso, presso l’Aula Magna del Liceo, il primo incontro, organizzato dalla Camera Penale “G. Sardiello” di Reggio Calabria, relativo al Progetto “Un percorso di legalità attraverso i principi costituzionali”. Il progetto organizzato di concerto al MIUR, fortemente voluto dal Presidente della Camera Penale di Reggio Calabria, avv. Pasquale Foti e dal Consiglio Direttivo della stessa (vicepresidente avv. Emanuele Genovese, segretario Avv. Emilia Vera Giurato, avvocati Donatella Nucera, Antonino Curatola, Francesco Siclari e Natale Polimeni), si propone di illustrare ai giovani studenti i principi, espressi nella nostra Carta Costituzionale, di legalità, di non colpevolezza, del giusto processo, con riguardo alla finalità rieducativa e non punitiva della pena. Il percorso, che si svolgerà in diversi incontri, punta l’attenzione sul ruolo del difensore, quale baluardo per la difesa dei diritti di libertà e legalità.

Per coinvolgere gli studenti in prima persona, il progetto prevede oltre che la visione di alcuni filmati relativi a noti casi di cronaca giudiziaria, anche la rappresentazione simulata di un processo penale e la visita al Tribunale di Reggio Calabria al fine di assistere allo svolgimento dei processi penali in un giorno di udienza.

Le classi del Liceo interessate allo svolgimento del progetto sono la IV F e la V F. Di seguito le parole del Presidente della Camera Penale di Reggio Calabria, avv. Pasquale Foti, subito dopo l’incontro:

“Questo progetto ha la finalità di aprire le menti dei giovani studenti ai principi costituzionali che governano il nostro sistema attraverso un approccio diretto volto non tanto ad esporre nozioni e a declamare regole da seguire, quanto a fargli toccare con mano la necessità di vivere secondo principi ispirati alla legalità facendoli entrare virtualmente dentro un processo penale non come meri spettatori ma come attori e parti processuali alla scoperta di tutte le dinamiche fattuali che sottendono alla celebrazione di un processo penale. Lo scopo è appunto quello di educare i giovani ad avere un’informazione corretta ed una visione sana del mondo della giustizia e del ruolo dell’avvocato difensore, garante dei diritti e strumento di giustizia. All’incontro di oggi unitamente ai miei colleghi, avvocati Francesco Siclari e Francesco Albanese, ho avuto modo di scorgere da parte dei ragazzi, affascinati dal progetto, un forte interesse ed una viva partecipazione.”

 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Link Utili   Contatti   Admin