QUARTA AC’è stato anche il Campanella fra gli oltre quaranta Licei Classici italiani che ieri, con più di mille iscritti fra docenti e studenti, hanno preso parte a Classics’ R-Evolution, progetto promosso dal Dipartimento di Civiltà antiche e moderne (DICAM) dell’Università degli Studi di Messina (UNIME), sotto il patrocinio dell’Istituto Nazionale del Dramma Antico (INDA); la prima giornata di studi dell’edizione 2022 è stata dedicata ad “Agamennone” di Eschilo, alla sua lettura, alla sua interpretazione ed all’inseguimento del testo lungo le strade che esso ha percorso nella storia del pensiero e della letteratura occidentale. Durante la mattinata, dopo l’introduzione del Prof. Giuseppe Giordano, direttore del DICAM, docenti universitari e liceali si sono avvicendati, brillantemente coordinati dalla Prof. Anita Di Stefano (DICAM-UNIME) e dal Prof. Claudio Meliadò (DICAM-UNIME), in una serie di interventi inerenti al testo eschileo: alla sua veste letteraria (Prof. M. Cistaro, S. Agata di Militello), alla sua messa in scena antica (Prof. L. Di Giuseppe, Roma), all’universo femminile che lo popola (Prof. C. Pascon, Milazzo), per concludere con un affaccio sul mondo della latinità dedicato ai frammenti del ciclo degli Atridi a Roma (Prof. M. Nobili, Roma); la mattinata ha assistito altresì all’intervento degli studenti del Liceo “Lucio Piccolo” di Capo D’Orlando che si sono occupati, in un interessantissimo contributo, dell’immaginario animale nel capolavoro di Eschilo.

AuciSabato 26 Febbraio nella Biblioteca Magistrale del Liceo Classico “Tommaso Campanella”, la scrittrice Stefania Auci presenta agli alunni della classe V A il suo romanzo L’inverno dei Leoni, secondo capitolo della saga sulla famiglia Florio. Ai saluti del dirigente scolastico, Maria Rosaria Rao, farà seguito una introduzione della professoressa Gabriella Marino.

Stefania Auci è di origine trapanese e palermitana di adozione. Dopo la laurea ha stabilito un rapporto importante con il mondo della letteratura. Ha scritto “Florence”  pubblicato con la casa editrice Baldini & Castoldi. Con il romanzo “I Leoni di Sicilia”, che ha avuto uno straordinario successo – più di cento settimane in classifica, in corso di traduzione in 32 Paesi –, ha narrato le vicende dei Florio fino alla metà dell'Ottocento, conquistando i lettori per la passione con cui ha saputo narrare la storia di questa famiglia. Il suo “I leoni di Sicilia” è stato un caso letterario internazionale: due anni al vertice delle classifiche dei bestseller, oltre 650 mila copie vendute, traduzioni in corso in 32 Paesi, una serie tv in arrivo. Il nuovo romanzo è ambientato tra Otto e Novecento, anni d'oro per i Florio – che diventeranno una delle famiglie più ricche d'Europa – e per Palermo, splendida "città giardino" frequentata da regnanti e intellettuali.

 

 

 

CRE 28 Febbraio 2022Fervono al “Campanella” i preparativi per la partecipazione a “Classics’ R-Evolution”, progetto promosso dal Dipartimento di Civiltà antiche e moderne (DICAM) dell’Università degli Studi di Messina, sotto il patrocinio dell’Istituto Nazionale del Dramma Antico (INDA) e giunto quest’anno al suo quinto appuntamento: l'edizione 2022 avrà inizio il 28 febbraio p.v. con una giornata di studi dedicata ad “Agamennone” di Eschilo, tragedia in programma per la prossima stagione del Teatro greco di Siracusa: il testo sarà al centro di un percorso di lettura a più voci che ne indagherà il viaggio nella storia dal momento della creazione letteraria, nell’Atene del V sec. a.C., fino alle più recenti riprese, riscritture e messe in scena. Per centinaia di studenti di numerosi licei classici sarà una splendida occasione per approfondire ed intensificare il dialogo con capolavori eterni già incontrati tra i banchi di scuola, grazie anche ad una conoscenza del greco antico che costituisce una chiave d’accesso unica e privilegiata per l’indagine sul passato e per la profonda comprensione della contemporaneità.  

I lavori saranno introdotti dal Prof. Giuseppe Giordano, Direttore del DICAM, e saranno coordinati dai Professori Anita Di Stefano e Claudio Meliadò. 

  

Locandina Certamen 2022Mercoledì 23 febbraio, a partire dalle 9.00, nei locali del Liceo, prenderà il via la decima Edizione del Certamen “LICEO CLASSICO TOMMASO CAMPANELLA”. La manifestazione, che per il perdurare della situazione epidemiologica è limitata solo agli allievi del Liceo, è legata alla Selezione di Istituto delle Olimpiadi di Nazionali delle Lingue e Civiltà Classiche.
Il Certamen, quest’anno patrocinato da AICC (Associazione Italiana di Cultura Classica, sezione Ibico di Reggio Calabria) e dalla casa editrice Città del Sole, è realizzato anche con il contributo della famiglia del prof. Claudio Riccardo Arcidiaco, già docente del Liceo, in memoria del quale verrà consegnata una borsa di studio alla studentessa o allo studente classificatosi con il voto più alto fra tutti i partecipanti, indipendentemente dalla sezione di gara.
La Commissione giudicatrice comunicherà l’esito della correzione delle prove nel corso della cerimonia di premiazione che avrà luogo nella Biblioteca Magistrale del Liceo Classico “Tommaso Campanella” il giorno 28 febbraio 2022 alle ore 10.00.

 

 

 

 

CODICE PUSi è concluso il progetto “La lingua e la cultura greco-calabra, patrimonio da salvaguardare attraverso la trasmissione alle giovani generazioni” volto all’esplicazione di alcuni obiettivi dell’Agenda 2030 (Obiettivo 4 Istruzione di qualità; Obiettivo 8 Lavoro dignitoso e crescita economica) e del PNRR, avviato per l’anno scolastico in corso dal Liceo classico “T. Campanella” e inserito tra le attività previste nel piano di educazione alla sostenibilità. Il Dirigente scolastico, Prof.ssa Maria Rosaria Rao, ha ben accolto l’attività, sostenendola e promuovendola. I docenti, le prof.sse T. Biondi, M. Dieni e M. Fusaro, con la preziosa collaborazione dell’Associazione Jalò tu Vùa, hanno tenuto le lezioni. Il percorso formativo si è svolto nel periodo tra il mese di dicembre e il mese di febbraio e nel corso delle lezioni numerosi sono stati i temi affrontati sulla lingua grecocalabra e la civiltà relativa, finalizzati al consolidamento delle competenze di cittadinanza attraverso la consapevolezza e la conoscenza dell’importanza della custodia e della salvaguardia delle minoranze linguistiche, patrimonio ed eredità da trasmettere alle giovani generazioni, e la valorizzazione del territorio tramite la rigenerazione dei borghi secondo i principi dell’economia circolare. L’azione educativa ha trattato le seguenti tematiche: origine e storia del greco di Calabria; territorio e tradizioni della cultura popolare contadina dell’area grecanica; elementi di continuità linguistici e culturali con la Grecia classica; espressioni linguistiche e analisi etimologica; analogie tra le leggende grecaniche e il mito classico; testo musicale tradizionale.

 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Link Utili   Contatti   Admin